fbpx Skip to content
Qualche consiglio per allestire un ufficio a casa

Qualche consiglio per allestire un ufficio a casa

La pandemia ha dimostrato che lo smart working è non solo possibile, ma anche vantaggioso. Se ci si dota di tutti gli strumenti adatti a supportarlo.

Pochi anni fa la prospettiva di lavorare dalla propria abitazione sarebbe sembrata futuristica a chiunque. Chissà che un domani l’ufficio a casa non possa diventare invece un must, alla pari del bagno e della cucina. La pratica dello smart working o, meglio, dell’home working, che la pandemia ha portato alla ribalta in Italia – altrove è già più consolidata – è infatti destinata a durare anche nel new normal. Se si desidera sfruttare questa possibilità, vale allora la pena riorganizzare le proprie dotazioni, su due fronti: lo spazio domestico dedicato al lavoro e le tecnologie indispensabili. È probabile che chi ha lavorato da casa negli ultimi mesi abbia riscontrato difficoltà rispetto a entrambi, soprattutto se ha dovuto condividere gli spazi con altri lavoratori e/o studenti.

Per un ufficio a casa confortevole e funzionale 

Le aziende più all’avanguardia sanno bene quanto conti la progettazione dello spazio in termini di salute e produttività. Ma con l’home working siamo noi gli unici responsabili delle nostre abitudini lavorative. L’entusiasmo iniziale del poter lavorare comodamente dal divano o addirittura dal letto si è nella maggior parte dei casi scontrato con l’evidenza della minore produttività, quando non del mal di schiena. L’ergonomia sconsiglia infatti di utilizzare letto e divano con questo scopo per più di un’ora al giorno. E lo stesso fa la psicologia, perché mentalmente è importante ricollegare a ogni ambiente una specifica funzione.

L’ideale è dunque organizzare un angolo ufficio, se non si dispone di un’intera stanza adatta allo scopo. Il solo atto di sederci a una scrivania appositamente dedicata al lavoro ci aiuterà a sviluppare la concentrazione adatta allo scopo e l’adozione di una postura migliore limiterà i danni fisici.

Consigli utili

Ecco qualche accortezza per affrontare consapevolmente la progettazione di un angolo ufficio a casa:

  • Luce naturale. È un fattore indispensabile al benessere psicofisico. Scegliere una stanza o una parte di essa ben illuminata farà la differenza.
  • Spazio per muoversi. La postazione di lavoro ideale misura 1,50 x 2,10 metri, salvo esigenze specifiche. Che scegliamo di allestirne una più piccola o più grande, è importante tenere conto, oltre che dello spazio sul piano di lavoro, anche dello spazio per il movimento della sedia.
  • La sedia. Dovremo passarci più ore al giorno, perciò è bene che sia non solo comoda, ma appositamente progettata per la sua funzione. Una sedia ergonomica, che ci permetta di tenere schiena dritta, braccia a 90 gradi e piedi ben appoggiati, sarà l’ideale. Ma è altrettanto importante alzarsi e camminare ogni tanto.
  • Uffici a scomparsa. Nel caso di metrature piccole, possiamo utilizzare nicchie o possiamo allestire all’occorrenza uffici provvisori con scrivanie pieghevoli o a scomparsa, con piani costituiti da ante ribaltabili.
  • I colori. Le tonalità dei colori hanno un impatto significativo sullo stato d’animo. Scegliere la palette di colori più adatta alla nostra personalità e al nostro lavoro può giovare alla produttività. C’è chi preferirà un pot-pourri di colori per stimolare la creatività e chi tonalità neutre per aumentare la concentrazione.
  • Ordine. Mensole, portadocumenti e scatole permettono di alleggerire e riordinare il piano di lavoro senza rubare troppo spazio, anzi, ottimizzandolo.
  • No alle distrazioni. L’angolo prescelto dovrà essere, per quanto possibile, isolato dagli ambienti più rumorosi o di passaggio e dovrà bandire tutti gli oggetti non strettamente connessi alla funzione per cui è progettato.
  • Comfort. Se è vero che è necessario evitare le distrazioni, è altrettanto vero che lo spazio prescelto deve essere accogliente e confortevole. Stampe appese al muro, piante e fiori contribuiscono alla causa. Ma anche posizionare la scrivania nei pressi di una finestra può essere una soluzione intelligente, per creare un canale tra interno ed esterno, migliorando qualità dell’aria e umore.

Quelli appena elencati sono aspetti importanti per tutti i lavoratori da casa, ma, data la specificità di ogni abitazione e di ogni professione, i diretti interessati sapranno adottare soluzioni personalizzate. E ciò è valido anche per quanto riguarda il vero cuore dell’argomento, cioè la tecnologia di supporto al nostro lavoro.

Tecnologie a prova di smart working

Non basta allestire uno spazio confortevole e ordinato se la connessione salta, mancano prese di corrente o ci distraggono i rumori. L’attenzione crescente a queste tematiche, sviluppatasi nel corso del 2020, è stata confermata dal CES 2021 (Consumer Electronics Show), dove si sono susseguite presentazioni di nuove tecnologie pensate appositamente per un ufficio a casa.

  • Le prese di corrente. Che sia per l’illuminazione (a led o con lampadine a risparmio energetico, possibilmente) o per l’alimentazione di dispositivi elettronici, scegliere uno spazio dotato di tante prese di corrente è indispensabile. Tra le più moderne ed efficienti tecnologie ci sono le prese USB a incasso, le multiprese, i caricatori USB a induzione o i dispositivi per la ricarica wireless.
  • La connessione. Tra i problemi principali affrontati nei mesi passati ci sono certamente l’instabilità e la lentezza della connessione, dipendenti da router obsoleti, posizionati male e incapaci di sostenere il peso di tutti i dispositivi connessi. Le soluzioni principali per garantire la sicurezza di una connessione omogenea in tutta la casa e stabile sono la fibra ottica e, a seconda delle esigenze, extender, antenne portatili o router di ultima generazione.
  • PC a prova di home working. Il cuore del nostro ufficio a casa. Pressoché tutti i brand che si occupano di elettronica hanno presentato a inizio 2021 nuovi modelli di computer o monitor pensati per lo smart working. Ciò significa: schermi più grandi e con risoluzione più alta; processori potenti; attenzione alla funzionalità delle videochiamate, con potenziamento delle webcam, dei microfoni e dell’audio; rimozione dei rumori; attenzione alla salute degli occhi con basse emissioni di luce blu; modelli trasformabili in tablet per il lavoro flessibile; moduli 4G e 5G per navigare in mobilità ad alte prestazioni; batterie con oltre 20 ore di autonomia a pieno regime; alti livelli di sicurezza. Non resta che scegliere il più adatto alle nostre esigenze.
  • Cuffie anti-rumore. Il disturbo dato dai rumori è uno dei limiti più grandi del lavoro da casa. Cuffie e auricolari, magari wireless, sono indispensabili per garantire un ambiente di lavoro sereno, a maggior ragione durante le videocall.

Qualche bonus per chi non si accontenta

L’home tech procede allo stesso ritmo della digital transformation e in futuro non potrà fare a meno di intelligenza artificiale e realtà virtuale o aumentata. Per i più esigenti, sono già disponibili soluzioni che le utilizzano:

  • Assistenti virtuali. Gli amanti della pianificazione della propria giornata al minuto o, semplicemente, i più sbadati non potranno più farne a meno. In mancanza di assistenti fisici, suppliscono quelli virtuali, che monitorano le performance di tutti gli aspetti della casa, permettendoci di dedicarci al lavoro, o ci ricordano scadenze e impegni. Samsung ha in cantiere un vero e proprio robot assistente (Bot Care), che apprende le abitudini delle persone e le aiuta a gestire la loro giornata in modo efficiente.
  • AR/VR. Una delle tendenze principali dei prossimi anni in fatto di tecnologia sarà senza dubbio l’applicazione dell’AR/VR agli ambiti più disparati, compresi quelli lavorativo e didattico. Attraverso visori che consentano esperienze decisamente più immersive di quelle prodotte dagli schermi.

Condividi

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on telegram
Share on whatsapp
Share on email

Leggi anche