fbpx Skip to content

Il condominio smart diventa realtà

Un protocollo d’intesa tra ANACI e KNX apre le porte del condominio smart del futuro.

Il condominio smart del futuro diventa il condominio del presente, grazie al protocollo d’intesa che ANACI e KNX Italia hanno sottoscritto per portare la domotica nell’edilizia. La firma è stata ufficializzata sabato 9 ottobre in occasione dell’evento “Come gestire il condominio del futuro. La tecnologia a supporto dell’amministratore di condominio”, organizzato da ANACI Modena in collaborazione con ANACI Nazionale e svoltosi presso Florim Gallery di Fiorano Modenese.

La sinergia non potrebbe essere più vincente. Da un lato c’è ANACI, Associazione Nazionale Amministratori Condominiali e Immobiliari più rappresentativa in Italia e impegnata da anni nella promozione di un nuovo modo di costruire e abitare la casa, per migliorare la qualità della vita e minimizzare l’impatto ambientale del settore. Dall’altro c’è l’Associazione KNX, che da oltre venticinque anni rappresenta un punto di riferimento per costruttori, integratori di sistema, distributori di materiale elettrico, poli universitari e centri di ricerca che hanno scelto la sua tecnologia per la realizzazione di sistemi domotici e di automazione intelligente degli edifici.

Il Condominio Social Smart di ANACI

ANACI è promotrice del progetto “Condominio Social Smart”, con l’obiettivo di coinvolgere gli attori della filiera immobiliare per trasformare le città italiane in smart city. Come? Riqualificando l’edilizia condominiale. In un condominio smart, infatti, l’innovazione tecnologica non è fine a se stessa. È al servizio della gestione delle risorse, della sostenibilità ambientale ed economica, dell’autosufficienza energetica e, non da ultimo, del benessere e della sicurezza delle persone.

ANACI – afferma l’ing. Francesco Burrelli Presidente Nazionale ANACI – consapevole dell’importanza che oggi assume la figura dell’Amministratore Immobiliare, sta svolgendo un’intensa attività di aggiornamento dei propri iscritti con corsi, seminari e convegni, per fornire agli associati competenze e strumenti di lavoro per poter essere il trait d’union tra condomini-cittadini e le Amministrazioni comunali per le “città del futuro”, incentivando una nuova forma mentis che promuova uno stile di vita responsabile. Mobilità sostenibile e condivisa, riqualificazione del costruito, consumo energetico consapevole da fonti rinnovabili, perseguendo una maggiore tutela ambientale a favore della salute di tutti. Non possiamo perdere l’occasione di sfruttare il PNRR per inserire in modo sostanziale la sicurezza e l’efficientamento del nostro patrimonio immobiliare.

E l’efficientamento del patrimonio immobiliare è una condizione indispensabile per l’avvento delle smart city. Il Condominio Social Smart rientra, infatti, nell’iniziativa di più ampio respiro “SMART CITY: di PAESe in PAESe”. Un progetto che vuole contribuire alla riqualificazione urbana mediante interventi che riducano consumo energetico ed emissioni di CO2, di cui l’edilizia è principale responsabile. Le azioni previste dal Piano di Azione per l’Energia Sostenibile (PAES), redatto dalle Amministrazioni Comunali, rispondono perciò alle richieste di NZEB (Nearly Zero Emissions Buildings). Gli edifici privi di impatto ambientale costituiscono infatti una spinta imprescindibile nella corsa alla neutralità climatica.

Lo standard KNX

Per raggiungere gli ambiziosi obiettivi appena delineati è indispensabile ammodernare in chiave domotica e di building automation delle tecnologie al servizio dei condomini smart. E per condurlo ANACI ha scelto KNX, standard mondiale, aperto, conforme alle principali normative europee ed internazionali. Un partner indispensabile per consentire la gestione automatizzata e decentralizzata degli impianti tecnologici di un’ampia tipologia di strutture: edifici commerciali, industrie, uffici, abitazioni, locali pubblici, scuole e non solo.

Il sistema KNX si inserisce naturalmente nel filone concettuale dell’edilizia più evoluta, attenta ai principi dello sviluppo sostenibile. I quest’ottica, il servizio alla persona, il comfort e il risparmio energetico sono valori aggiunti e imprescindibili della costruzione moderna, innovativa e sicura.

Cosa prevede il protocollo d’intesa?

Oggi le case – prosegue Burrelli – acquisiscono “un’anima” anche grazie alla domotica che permette di incrementare i livelli di sicurezza e della salute delle persone. Ma anche di migliorare la qualità della vita tutelando l’ambiente circostante. La digitalizzazione è, infatti, entrata prepotente nella casa di ogni cittadino e l’Amministratore non può più esimersi dall’apprendere specifico know-how, per continuare a garantire ai propri condomini adeguata assistenza partendo da una nuova organizzazione del proprio studio professionale.

La collaborazione tra le Associazioni consiste, da un lato, nel garantire sistemi domotici efficienti, all’avanguardia e con tecnologia standard e interoperabile per gli immobili italiani. Dall’altro lato, nell’offrire agli operatori della filiera strumenti sempre più potenti e semplici da utilizzare per assolvere ai propri incarichi. Ma assume un ruolo nuovo e centrale anche l’amministratore: un professionista smart capace di svolgere il proprio incarico con competenza certificata e strumenti innovativi, in linea con le trasformazioni del mercato.

A tal fine, si sta lavorando a un Libro Verde contente linee guida per applicazioni domotiche che offrano vantaggi agli amministratori e agli abitanti del condominio smart. KNX Italia sta fornendo il supporto tecnico, con l’obiettivo di dare vita a una vera e propria guida applicativa per questo tipo di impianti. Gli amministratori potranno così fare riferimento a un supporto che li aiuti a comprendere opportunità e vantaggi delle singole funzioni smart.

Sono lieto di questa collaborazione – conclude l’ing. Massimo Valerii, Presidente di KNX Italia – volta a promuovere la cultura dell’efficienza energetica e dei sistemi domotici condominiali quali abilitatori tecnologici di servizi per l’amministratore e per gli immobili. È importante dare adeguata informazione sul tema attraverso iniziative rivolte agli amministratori e ai professionisti del settore per offrire strumenti sempre più potenti e semplici da utilizzare per assolvere ai propri incarichi di gestione, controllo e monitoraggio da remoto degli impianti.

Condividi

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on telegram
Share on whatsapp
Share on email

Leggi anche